/
Dalila Margiotta
Marketing Specialist
Fintech
24/06/2024

La mobilità come servizio e il futuro del leasing (ITA)

In un contesto reso ancora più critico dalla pandemia da Coronavirus e dai suoi effetti sull’economia globale, è lo stesso modello di business del leasing automobilistico a essere messo in discussione da fenomeni che possono essere ricondotti alla trasformazione digitale della mobilità e alla transizione da proprietà a disponibilità.

Parliamo di e-mobility, dell’incremento dell’offerta di vehicle subscription — ovvero la possibilità di usufruire, in cambio di un canone mensile, di veicoli scelti tra una vasta gamma di modelli in base alle proprie esigenze — di servitizzazione dell’auto.

Pubblico di riferimento, millennials e generazioni successive. Secondo la recente indagine “The Urban Mobility Daily, 2020”, infatti:

A tal proposito, ecco le parole di Michele Crisci, presidente e AD di Volvo Car Italia, in un’intervista rilasciata ad auto.it ?

“Diventano importanti le nuove forme di possesso del mezzo legate a leasing e noleggioDiventano preferibili per la clientela perché non impegnano grosse quantità di denaro, hanno costi fissi e conosciuti e affiancabili a servizi. Parliamo di auto avanzate, che hanno bisogno di assistenza e di essere aggiornate come i cellulari […] L’Italia ha bisogno di un piano strategico, perché le possibilità di crescita sono tante”

Se non è, quindi, più l’auto in sé ciò che conta, se ci avviciniamo a un mondo di “carless driver”, a fare la differenza diventa il modo in cui il veicolo viene reso disponibile, gestito e aggiornato, rendendo centrali customer care e loyalty.

Qual è la strada per i player tradizionali?

Nessuno è più preparato delle aziende che operano nel leasing a guidare l’evoluzione dell’automobile da prodotto a servizio on demand.

La strada da percorrere deve essere “futureproof” e vede come vantaggi competitivi da valorizzare l’orientamento alla relazione, la conoscenza dei comportamenti e l’estensione della gamma.

Sono 3 i principi che i player tradizionali dovranno seguire se vorranno restare competitivi:

  • Multimodalità, ossia gestione della mobilità 360° e progettazione di servizi orientati al guidatore, prima ancora che al veicolo.
  • Fluidità, ovvero rendere semplice e priva di ostacoli l’esperienza dell’utente.
  • Affidabilità, cioè puntare su servizi che facciano sentire gli utenti costantemente curati.

Nel nostro paper “La mobilità come servizio e il futuro del leasing” potrai trovare la Mappa dell’esperienza di car rental progettata da Enhancers.

Un’anteprima dei concept made in Enhancers

Abbiamo dato vita questa visione attraverso degli esempi concreti di servizi e funzionalità evolute per il car leasing digitale. Eccone un’anteprima ??:

  1. No need to ask , una soluzione che risponde all’esigenza degli utenti di avere a portata di mano una serie di veicoli tra cui scegliere, senza dover fare lunghe ricerche, perché già suggerititi dal fornitore grazie a un’utilizzo intelligente dei dati.
  2. You drive, we care, una soluzione ideata per alleggerire il driver, delegando gli aspetti più faticosi e noiosi al fornitore.
  3. More than just a car, una soluzione che fornisce soluzioni olistiche alle necessità di movimento e trasporto, che spaziano dalla sostenibilità fino all’entertainement e alla comunicazione.

Per i player del settore non resta quindi che prepararsi a cogliere le opportunità innescate dalla Digital Transformation per reagire alle sfide del presente e aumentare i propri margini di profitto migliorando l’esperienza dei clienti.

La rivoluzione è adesso. Join it!

Scopri tutto sul futuro del leasing e sulle nostre soluzioni richiedendo gratuitamente la guida completa realizzata dai ricercatori di Enhancers.

Dalila Margiotta, laureata in Ingegneria dei Media al Politecnico di Torino, è Marketing Specialist presso Enhancers.

/
Iscriviti a Digital Innovation Boost

La newsletter di Enhancers con tutti gli Insight più rilevanti sul futuro ed i nostri Case Study.

VOGLIO ISCRIVERMI